Chi siamo

LA NOSTRA STORIA

Come è nata la COOP Ma.ce.

La Ma.Ce. nasce nel 1992 e sono quattro le persone che iniziano questa avventura.
A mano a mano cominciano a presentarsi i primi lavori affidataci prima da Vesta SpA con la raccolta della carta, piccole manutenzioni ai depositi di Venezia, posa giochi nei parchi, e la realizzazione di piazzole cassonetti.
Arriva contemporaneamente dalla Telecom la raccolta dei gettoni dalle cabine telefoniche. Gradualmente i lavori aumentano con piccoli lavori di assemblaggio.

1992

Nel 1995 si apre una nuova attività edile con piccoli lavori di manutenzione; dipinture, piccoli restauri interni sino ad arrivare al rifacimento tetti.

1995

Nel 1996 assieme ad altre 9 cooperative viene costituito il Consorzio Sociale "G. Zorzetto".

1996

Nel 2000 la Caritas Veneziana, ci propone di gestire la loro Casa per Ferie Sant’Andrea sita nel sestiere di S. Croce a Venezia. La Cooperativa quindi ha la possibilità di assumere altro personale.

Ma la cooperativa non si ferma, ci si presenta l’opportunità in convenzione con la Caritas Venezia – Veritas Spa e la ditta Tesmapri la raccolta degli abiti usati nel territorio del Patriarcato di Venezia.

2000

Nel 2003 la Ma.Ce. apre un'attività di Onoranze Funebri denominata San Giuseppe con sede a Zelarino (VE) che verrà poi nel 2006 ceduta ad un socio.

2003

Nel 2007 la Ma.Ce. acquista la pizzeria "La Fermata” di Carpenedo che verrà successivamente concessa in affitto.

2007

In anni più recenti apriremo anche il settore facchinaggio, il nostro cliente più importante diventerà Ve.La nata nel 1998 dell’Azienda Veneziana del Trasporto Pubblico Locale, con la missione di svilupparne l’attività commerciale.

La Mission

La Ma.Ce. Società Cooperativa Sociale di Solidarietà, si colloca tra le cooperative Sociali di tipo B, che hanno lo scopo di inserire nella propria compagine sociale anche persone in condizione di svantaggio. L’integrazione sociale di una persona in condizione di svantaggio inizia dalla capacità del singolo di poter essere soggetto produttivo di una comunità, contribuendo alla medesima e non solo ricevendo supporto da questa, con l’obiettivo della rivalorizzazione della persona attraverso il lavoro.

Concedimi la serenità di accettare le cose che posso cambiare, il coraggio per cambiare quelle che posso e capirne la differenza

San Francesco

La Vision

Dopo due lunghi anni che hanno dato un calo di marginalità dovuto all’emergenza epidemiologica COVID 19, la Cooperativa si è data l’obiettivo di lavorare sulla costruzione di interventi a livello organizzativo che mirino al continuo dell’attività aspirando all’ acquisizione di nuovi lavori in modo da poter dare continuità di occupazione e le migliori condizioni economiche sociali e professionali.

La pandemia ci ha fatto scoprire, in alcuni momenti, nudi, fragili, incerti ma è da questa difficoltà che la cooperativa vuole ricominciare guardando al futuro con positività.

Il mondo come lo abbiamo creato è un processo del nostro modo di pensare. Non può essere cambiato senza cambiare il nostro pensiero

Albert Einstein

Nel settembre 2015, 193 paesi membri dell’ONU, svilupparono un programma d’azione per le persone e il pianeta. L’Agenda 2030, così denominata, si prefissava di raggiungere in 17 punti uno sviluppo solidale. In questo preciso periodo storico questi obiettivi si sono allontanati quasi a diventare una mera utopia. Il pianeta continua ad essere martoriato da guerre, epidemie, povertà … tutto ciò blocca il processo iniziato per un pianeta sostenibile.
Il terzo settore può fare la differenza perché focalizzandosi sulla centralità della persona e sulla sua sostenibilità, può continuare a creare posti di lavoro dignitosi e affrontare il futuro nel rispetto degli altri e dell’ambiente.

MA.CE. Obiettivi di sviluppo sostenibile

Cerca di diventare non un uomo di successo ma un uomo di valore

Albert Einstein

La Governance

La Cooperativa è così organizzata:

Organo sovrano della cooperativa. I Soci Lavoratori hanno diritto ad esprimere il loro voto, le loro idee nelle Assemblee previste, eleggono il C.d.A., il Collegio Sindacale partecipano attivamente alla programmazione ed alla vita della Cooperativa. Il rapporto di lavoro fra Socio Lavoratore e Cooperativa si configura, grazie alla nuova riforma, come un normale rapporto lavorativo, regolamentato dal C.C.N.L. delle cooperative sociali.

L’assemblea soci viene convocata mediamente una vota all’anno per l’approvazione del bilancio.

e quindi dal Presidente che ha la responsabilità delle attività svolte nella cooperativa. Il Consiglio di Amministrazione è composto da n. 3 Soci Lavoratori e 2 Soci Volontari che governano la Cooperativa e sono responsabili civilmente e penalmente della Cooperativa stessa.

Il Consiglio di Amministrazione si incontra mediamente ogni mese ed è composto dai signori:

  • Presidente del C.d.A. Mons. Dino Pistolato 
  • Vice Presidente    Pigozzo Paolo
  • Amministratore    Bertoldo Anna
  • Amministratore    Lanzafame Mario
  • Amministratore    Pasqualetto Fabiano


Gli amministratori attuali sono in carica sino all’approvazione del bilancio del 31/12/2022.

Vigila sull’osservanza della legge e dello statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e sull’adeguatezza organizzativa amministrativa e contabile adottata dalla cooperativa e al suo corretto funzionamento.

Il Collegio Sindacale è previsto dall’articolo 2543 del codice civile stabilisce che nelle società cooperative la nomina del collegio sindacale è obbligatoria nei casi previsti dai commi 2 e 3 dell’articolo 2477.

Il collegio sindacale della cooperativa è stato nominato 03/12/2020 e resterà in carica sino all’approvazione del bilancio del 31/12/2022 ed è composto dai seguenti sigg.ri:

  • Presidente             Tosatto Rebecca
  • Consigliere           Reato Riccardo
  • Consigliere           Nardin Daniele
  • Consigliere supplente  Niero Ampelio
  • Consigliere supplente  Stefanelli Andrea

Ha lo scopo di gestire la Cooperativa nel suo insieme comunicando e lavorando in sincronia con il Presidente del C.d.A.

Ha lo scopo di provvedere all’individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all’individuazione delle misure di sicurezza. Il RSPP ha inoltre lo scopo di fornire ai lavoratori come previsto dalla normativa di SSLL.

Eletto dai lavoratori al fine di rappresentarli per la sicurezza. Il RSL ha il compito inoltre di interfacciarsi con RSPP e il C.d.A.

Viene incaricato dal Presidente e garantisce l’applicazione del protocollo di sorveglianza sanitaria.

Ha la responsabilità dell’area economica e finanziaria della Cooperativa.

Dipende in linea diretta dalla Direzione e ha la responsabilità della gestione operativa delle attività del settore edile.

Ha il compito di supervisionare, con la collaborazione del Responsabile edile.

Dipende in linea diretta dalla Direzione ha la responsabilità della gestione operativa delle varie attività.

La compagine sociale è formata da 28 soci lavoratori e 2 soci volontari.

CERTIFICAZIONI E DOCUMENTI ISTITUZIONALI

Impegno
per la Qualità

La soddisfazione del Cliente è al centro delle nostre priorità, ecco perchè ci teniamo a sviluppare e mantenere un alto livello di qualità e competenze

Certificato SOA costruttori qualificati opere pubbliche venezia

La Cooperativa è in possesso della certificazione SOA categoria OS 7 classifica I che le permette di partecipare a Gare d’Appalto per un importo di € 258.000 per Lavori di finiture edili

CLICCA QUI  per visionare il certificato CQOP SOA

certificato sgs qualita coopmace

La decisione della COOPERATIVA MA.CE. S.R.L. di dotarsi di un Sistema di Gestione Integrato per la Qualità, l’Ambiente e la Salute e Sicurezza dei Lavoratori rappresenta una scelta strategica finalizzata al miglioramento della sua prestazione complessiva e alla costituzione di una solida base per le future iniziative di sviluppo sostenibile.

I benefici attesi derivanti dall’applicazione del Sistema di Gestione per la Qualità basato sulla norma ISO 9001:2015 sono:

  • la capacità di fornire con regolarità prodotti che soddisfino i requisiti del cliente e quelli cogenti applicabili;
  • facilitare le opportunità per accrescere la soddisfazione del cliente;
  • affrontare rischi e opportunità associati al suo contesto e ai suoi obiettivi;
  • la capacità di dimostrare la conformità ai requisiti specificati del sistema di gestione per la qualità.


Nell’applicare il Sistema di Gestione per la Qualità l’Organizzazione si è ispirata ai seguenti principi:

  • la focalizzazione sul cliente;
  • la leadership;
  • la partecipazione attiva delle persone;
  • l’approccio per processi;
  • il miglioramento;
  • il processo decisionale basato sulle evidenze;
  • la gestione delle relazioni.


Con l’applicazione del Sistema di Gestione Ambientale basato sulla norma ISO 14001:2015 l’Organizzazione si propone:

  • la protezione dell’ambiente tramite la prevenzione o mitigazione degli impatti ambientali negativi;
  • la mitigazione dei potenziali effetti negativi delle condizioni ambientali sulle attività svolte;
  • l’efficace supporto per l’adempimento degli obblighi normativi in materia ambientale;
  • il miglioramento delle prestazioni ambientali;
  • la comunicazione delle informazioni ambientali alle parti interessate rilevanti.


I principali scopi del Sistema di Gestione SSLL basato sulla norma UNI ISO 45001:2018 sono i seguenti:

  • stabilire, documentare e mantenere attivo un efficace Sistema di Gestione della Sicurezza che consenta di elaborare, mettere in atto, conseguire, riesaminare e mantenere attiva la politica della sicurezza;
  • fornire una guida per redigere e mantenere aggiornate le procedure e le istruzioni operative necessarie per assicurare che il sistema sia conosciuto e correttamente applicato da tutto il personale;
  • costituire un documento di riferimento per il personale che svolge attività che possono mettere a rischio la salute e la sicurezza;
  • facilitare il controllo del sistema;
  • dimostrare alle parti interessate la conformità del Sistema di Gestione della Sicurezza e la sua capacità di garantire il miglioramento continuo in tema di salute e sicurezza.


CLICCA QUI
 per vedere il certificato

La Direzione aziendale, valutate le dimensioni della nostra Organizzazione e le implicazioni operative connesse con la sua attività e dopo aver preso in esame le valutazioni circa i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, assume formalmente l’impegno per una politica che valuti, in maniera appropriata, l’efficienza del sistema di gestione e che tenda a mantenere e migliorare il livello di qualità raggiunto e le condizioni di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.

Si impegna quindi ad affrontare tutti gli aspetti relativi alla qualità, l’ambiente e alla sicurezza come aspetti rilevanti della propria attività. Si impegna, inoltre, ad organizzare tutta la struttura aziendale, dal datore di lavoro, RSPP, preposti, addetti alla sicurezza, lavoratori dipendenti, lavoratori occasionali in modo tale che tutti siano partecipi, secondo le proprie responsabilità e competenze, al raggiungimento degli obiettivi individuati.

A tale scopo la Direzione aziendale nomina il Responsabile del Sistema di Gestione (RSG) al quale conferisce la necessaria autorità ed autonomia organizzativa, affinché provveda ad attuare, mantenere ed aggiornare il Sistema di Gestione Integrato. Tutti i livelli aziendali, ciascuno per la parte di propria competenza, sono responsabili per l’attuazione del Sistema sotto il coordinamento e la sorveglianza del RSG.

Pertanto, al fine di conseguire l’obiettivo primario della soddisfazione dei propri clienti e della salute e sicurezza dei lavoratori, si impegna a:

  • Mantenere attivo un sistema di gestione integrata per la qualità, l’ambiente e la sicurezza conforme alle norme ISO 9001:2015, ISO 14001:2015, ISO 45001:2018;
  • Considerare una priorità il rispetto della LEGISLAZIONE VIGENTE, con particolare riferimento alla tutela dell’ambiente e alla sicurezza e salute nel lavoro;
  • Individuare i processi aziendali e monitorarne l’efficienza e l’efficacia;
  • Mantenere sempre elevato il livello di soddisfazione del Cliente;
  • Promuovere e diffondere, all’interno dell’Organizzazione, la mentalità del miglioramento continuo;
  • Effettuare l’analisi ambientale e la valutazione dei rischi presenti in azienda;
  • Formare ed informare tutti i lavoratori, con particolare riferimento ai rischi per la salute e la sicurezza;
  • Prevenire l’inquinamento e tutelare le risorse naturali;
  • Comunicare in modo trasparenza con clienti, fornitori, lavoratori e tutte le altre parti interessate;
  • Garantire la consultazione dei lavoratori, anche attraverso il loro rappresentante, in merito agli aspetti della sicurezza e salute sul lavoro;
  • Realizzare la progettazione delle postazioni di lavoro dei metodi operativi e degli aspetti organizzativi in modo da salvaguardare la SALUTE e la SICUREZZA dei lavoratori, i terzi e la comunità in cui l’azienda opera;
  • Promuovere la COOPERAZIONE tra le varie risorse aziendali, la COLLABORAZIONE con le organizzazioni imprenditoriali e con gli Enti esterni preposti;
  • Mettere a disposizione le risorse economiche, umane e strumentali necessarie;
  • Privilegiare le azioni preventive e le indagini interne a tutela della sicurezza e salute dei lavoratori, in modo da RIDURRE significativamente le probabilità di accadimento di INCIDENTI, INFORTUNI o altre non conformità;
  • Riesaminare periodicamente la Politica, gli Obiettivi e l’attuazione del Sistema Integrato allo scopo di ottenere un miglioramento continuo in termini di qualità, ambiente, salute e sicurezza sul lavoro;


Gli obiettivi che la nostra Organizzazione si propone di raggiungere sono:

  • Esecuzione dei lavori con livelli di qualità che rispondano e possibilmente superino le aspettative del mercato e del cliente;
  • Ridurre la produzione dei rifiuti ed in particolare degli imballaggi dei prodotti approvvigionati;
  • Monitorare i consumi energetici e valutare l’utilizzo di forme di energia alternativa;
  • Individuare, monitorare e gestire i propri aspetti ambientali significativi;
  • Valutare in anticipo gli impatti ambientali dei nuovi processi e delle modifiche degli impianti esistenti;
  • Promuovere la responsabilità dei dipendenti di ogni livello verso la protezione dell’ambiente e dei lavoratori e realizzare programmi di informazione e formazione del personale su qualità, ambiente, salute e sicurezza;
  • valutare in anticipo gli impatti su salute e sicurezza dei lavoratori dei nuovi processi, impianti e attrezzature e delle modifiche a processi, impianti e attrezzature esistenti;
  • Adottare le misure necessarie per ridurre le situazioni di rischio e l’impatto Ambientale connesso a situazioni di emergenza;
  • Assicurare la cooperazione con le autorità ispettive e pubbliche;
  • Impiegare mezzi ed attrezzature che garantiscano la necessaria sicurezza dei lavoratori e il minor rischio per l’Ambiente;
  • Realizzare un costante miglioramento nella raccolta differenziata dei rifiuti, nella tutela dell’acqua, del suolo e sottosuolo e dell’aria.

Attuare il monitoraggio degli infortuni e delle situazioni di pericolo.

CLICCA QUI  per visionare